09/09/11

La paginazione in SQL Server 2008 e con la CTP3 di denali

Avete mai dovuto paginare i dati con SQL Server 2008 ?
bhè, è un'operazione abbastanza semplice grazie alle funzioni di ranking che il sistema ci mette a disposizione.... Tali funzioni consentono una numerazione arbitraria delle righe reperite dalla selezione e nel nostro caso uso la funzione row_number() over(order by campi da ordinare)

use  TempDb
Go

--Creao una tabella contenente le righe su cui effettuare la paginazione
Create table dbo.Paginata
(
 id int identity(0,1),
 Nome varchar(15) not null,
 Cognome varchar(20) not null
)

ALTER TABLE dbo.Paginata ADD CONSTRAINT
 PK_Paginata PRIMARY KEY NONCLUSTERED 
 (
 Nome,
 Cognome
 ) 

set nocount on
declare @i int = 0

--inserisco le righe
While @i < 100000
begin

 insert into Paginata (Nome,Cognome) 
  values('Nome ' + cast(@i as varchar(8)), 'Cognome ' + cast(@i as varchar(8)));
 set @i = @i + 1

end


--Ricerco la centesima pagina
declare @pagenumber int= 100

--Ogni pagina mi restituisce 10 righe
declare @pagesize int = 10

SELECT TOP (@pagesize) * FROM 
(
 SELECT row_number() over(order by Nome,Cognome) as RowNumber,
  *
 FROM  Paginata
)as A
WHERE RowNumber > ((@pagenumber - 1) * @pagesize)

Con la nuova versione SQL Server (ora sto provando la CTP3) il giochino sarà ancora più semplice !!
--Ricerco la centesima pagina
declare @pagenumber int= 100

--Ogni pagina mi restituisce 10 righe
declare @pagesize int = 10

Select * from Paginata
 order by Nome,Cognome
 OFFSET ((@pagenumber - 1) * @pagesize)  ROWS 
    FETCH NEXT @pagesize ROWS ONLY; 

La sintassi dell'order by ora prevede le clausole Offset e Fetch next che consentono di implementare la paginazione senza utilizzare funzioni di ranking !!!!

Cercare una stringa in un database...

Vi è mai capitato di dover cercare una stringa specifica all'interno del database senza conoscerne la struttura ? A me si e per evitare di farmi migliaia di select a mano ho creato un piccolo script che mi aiuta in modo molto efficace nella ricerca....
Utilizzo le viste information_schema che restituiscono la struttura del Db.
Vediamo come ho fatto :



--non voglio ricevere informazioni sul numero di righe selezionate
Set NoCount On

--Dichiarazione variabile contenente la stringa da ritrovare
Declare @strToFind varchar(max) = 'Luca'

--Dichiarazione variabili d'appoggio
Declare @strSchema sysname = ''
Declare @strTab sysname = ''
Declare @StrFieldsList varchar(Max) = ''
Declare @StrWhereFieldsList varchar(Max) = ''
Declare @strSql varchar(max) = ''

--variabile tabella contenente la le tabelle e i campi testuali
Declare @Tabs table(
TABLE_SCHEMA sysname
,TABLE_NAME sysname
)

Insert into @Tabs
Select Distinct TABLE_SCHEMA,TABLE_NAME from INFORMATION_SCHEMA.COLUMNS
Where DATA_TYPE in ('char','nchar','varchar','nvarchar','text','ntext')
Order by TABLE_SCHEMA,TABLE_NAME

--Fino a che ci sono righe nella variabile tabella
While 1=1
Begin

--operazioni preliminari per formattare la select di ricerca
Set @StrFieldsList = ''
Set @StrWhereFieldsList = ''

Select Top 1 @strSchema = TABLE_SCHEMA, @strTab=TABLE_NAME from @Tabs
Order by TABLE_SCHEMA,TABLE_NAME;

--Se la variabile tabella non mi ha restituito la prima riga esco dal ciclo
--perchè ho esaurito le tabelle su cui implementare la ricerca
IF @@ROWCOUNT=0
Break;

--Formatto la stringa per ricercare il mio dato
With Fields
AS
(
Select COLUMN_NAME from INFORMATION_SCHEMA.COLUMNS
Where DATA_TYPE in ('char','nchar','varchar','nvarchar','text','ntext')
And TABLE_SCHEMA = @strSchema
And TABLE_NAME = @strTab
)
Select @StrFieldsList = @StrFieldsList + '' + QUOTENAME(COLUMN_NAME) + ' AS ' + QUOTENAME(COLUMN_NAME) + ',',
@StrWhereFieldsList = @StrWhereFieldsList + QUOTENAME(COLUMN_NAME) + ' Like ''%' + @strToFind + '%'' OR '
From Fields

Set @strSql = 'Select ''' + QUOTENAME(@strSchema) + ''' As Table_Schema,''' + QUOTENAME(@strTab) + ''' As Table_Name, ' + Substring(@StrFieldsList,0,LEN(@StrFieldsList))
+ ' from ' + QUOTENAME(@strSchema) + '.' + QUOTENAME(@strTab)
+ ' Where ' + Substring(@StrWhereFieldsList,0,LEN(@StrWhereFieldsList)-2)

--eseguo il comando di ricerca appena generato
Exec(@strSql)

-- elimino la riga relativa alla tabella appena elaborata
-- dalla tabella temporanea
Delete From @Tabs
Where TABLE_SCHEMA = @strSchema
And TABLE_NAME = @strTab

end

01/09/11

Compare two collections with Linq and method Except

Suppose to have two collections of objects and you want to get the objects of the first collection that are not included in the second collection, you can use Linq with the method "Except".

Let's show a simple example:


            double[] numbers1 = { 2.0, 2.1, 2.2, 2.3, 2.4, 2.5 };
            double[] numbers2 = { 2.2 };

            IEnumerable onlyInFirstSet = numbers1.Except(numbers2);
Now onlyInFirstSet will contains only numbers that are not present in the secondo collection.

You can get the inverse calling the method Expect on the collection numbers2 and passing the parameter numbers1.

Remember that If you want to compare sequences of objects of some custom data type, you need to implement che interface IEquatable<T> where T is your object.

This interface require to implement the methods Equals and GetHashCode.
In the method Equals you define the logic that let the program to know when two object are equals.

In the method GetHashCode you implement the hash code: it is a numerical value that is tied to a fixed input and it is a form of one-way encryption, let you uniquely identifying an object.

22/07/11

Convertire un oggetto in istruzione SQL di Insert/update

Nello scorso articolo abbiamo visto come convertire un DataTable in una collezione di oggetti tipizzata:
Convertire un datatable in oggetti

Questa volta vediamo invece come convertire una collezione di oggetti in istruzioni di insert / update SQL.

Ribadiamo il concetto che esistono degli ORM quali NHibernate,Entity Framework che fanno già queste operazioni in modo eccellente, questo post vuole dare una soluzione semplice per quei progetti dove non è necessario (proprio per il fatto che non sono progetti complessi) oppure per progetti legacy di salvare degli oggetti tramite ADO.Net.

Diamo x scontato queste convenzioni:
- l'oggetto/tabella prevede in campo Id come chiave primaria
- le proprietà che vorremo mappare saranno di tipo Virtual, tutte le altre verranno ignorate
- il metodo eseguirà una insert (se id=0) o una update (se id!=0)
- il metodo accetta in input una IList che verrà valorizzato e vi servirà poi per eseguire il comando SQl
- il metodo ritorna la query sql che vi servirà poi per eseguire il comando di insert/update

using System;
using System.Collections;
using System.Collections.Generic;
using System.Data;
using System.Data.SqlClient;
using System.Reflection;
using MpsManager.Controllers.Helper;

namespace MpsManager.Models
{

    public static class MapDataAndBusinessEntityHelper
    {
      

        public static T SaveOrUpdateBusinessEntityToSqlData(T entity, string tableName,bool isUpdate) where T : new()
        {

            var hashtable = new Dictionary();
            PropertyInfo[] properties = typeof(T).GetProperties();

               
            foreach (PropertyInfo info in properties)
            {

                if (info.GetGetMethod().IsVirtual || (isUpdate && info.Name=="Id"))
                {
                    
                    hashtable[info.Name.ToUpper()] = info;
                }
            }

            IList list = new List();

            SQLADOHelper.ExecuteScalarQueryCommand(isUpdate ? UpdateObject(hashtable, entity, tableName, list) : InsertObject(hashtable, entity, tableName, list), list);

            return entity;
        }

        private static string UpdateObject(Dictionary hashtable, object entity, string tableName, IList list)
        {

            var isFirst = true;

            var sql = "update " + tableName + " SET ";
            foreach (var item in hashtable)
            {
                list.Add(new SqlParameter("@" + item.Key, ((PropertyInfo)item.Value).GetValue(entity, null) ?? DBNull.Value));

                if (item.Key.ToString().ToUpper() != "ID")
                {
                    sql += (isFirst ? "" : ",") + "[" + item.Key + "]=" + "@" + item.Key;
                    isFirst = false;
                }
            }
            sql += " where Id =@ID";

            return sql;
        }


        private static string InsertObject(Dictionary hashtable, object entity, string tableName,IList list )
        {
            var isFirst = true;

            var sql = "insert into " + tableName + " (";
            foreach (var item in hashtable)
            {
                sql += (isFirst ? "" : ",") + "[" + item.Key + "]";
                isFirst = false;
            }
            sql += ") values (";

            isFirst = true;
            foreach (var item in hashtable)
            {
                list.Add(new SqlParameter("@" + item.Key, ((PropertyInfo)item.Value).GetValue(entity, null) ?? DBNull.Value));

                sql += (isFirst ? "" : ",") + "@" + item.Key;
                isFirst = false;
            }

            sql += ")";
            return sql;
        }
    }

}
Questo invece è l'helper per poter effettuare operazioni Ado.net
using System;
using System.Collections.Generic;
using System.Configuration;
using System.Data;
using System.Data.SqlClient;

namespace MpsManager.Controllers.Helper
{
    public class SQLADOHelper
    {
        public static string ConnectionString
        {
            get
            {
                return ConfigurationManager.ConnectionStrings["ApplicationServices"].ConnectionString;
            }
        }

        public static object ExecuteScalarQueryCommand(string sql)
        {
            return ExecuteScalarQueryCommand(sql, new List());
        }
        public static void ExecuteNonQueryCommand(string sql)
        {
            using (IDbConnection connection = new SqlConnection(ConnectionString))
            {
                connection.Open();
                using (IDbCommand cmd = connection.CreateCommand())
                {
                    cmd.CommandText = sql;
                    cmd.ExecuteNonQuery();
                }
            }
        }
        public static DataTable ExecuteQueryCommand(string sql)
        {
            return ExecuteQueryCommand(sql, new List());
        }
        public static DataTable ExecuteQueryCommand(string sql, IList list)
        {
            var dt = new DataTable();
            using (var connection = new SqlConnection(ConnectionString))
            {

                var cmd = new SqlCommand(sql, connection);
                foreach (var sqlParameter in list)
                {
                    cmd.Parameters.Add(sqlParameter);
                }
                connection.Open();

                SqlDataReader dr = cmd.ExecuteReader();

                dt.Load(dr);

                connection.Close();
            }
            return dt;
        }

        public static object ExecuteScalarQueryCommand(string sql, IList list)
        {
            using (IDbConnection connection = new SqlConnection(ConnectionString))
            {
                connection.Open();

                using (IDbCommand cmd = connection.CreateCommand())
                {
                    cmd.CommandText = sql;
                    foreach (var sqlParameter in list)
                    {
                        cmd.Parameters.Add(sqlParameter);    
                    }
                    try
                    {
                        object result = cmd.ExecuteScalar();
                        return result;
                    }
                    catch (Exception e)
                    {
                        throw new ApplicationException("ExecuteScalarQueryCommand", e);
                    }
                }
            }
        }
    }
}

Convertire un DataTable in una collezione di oggetti tipizzata

Premesso che attualmente si è soliti utilizzare un ORM (Object Relational Mapper) per mappare gli oggetti alle tabelle SQL, alcune volte può capitare di avere applicazioni vecchie o con codice legacy e nelle quali viene utilizzato Ado.Net per effettuare le query verso il database.

La parte più onerosa si verifica quando effettuaiamo una query e ci viene restituito il risultato in un DataTable oppure un DataReader: bisogna instanziare una collezione di oggetti e valorizzarne le proprietà (una ad una).

Per ovviare a questo problema possiamo utilizzare una classe di helper; diamo per scontato che i campi del database si chiamano nello stesso modo delle proprietà


Ecco la clase di helper, è sufficiente chiamare il metodo passando a parametro il DataTable e ci verrà restituita una collezione di oggetti

using System;
using System.Collections;
using System.Collections.Generic;
using System.ComponentModel;
using System.Data;
using System.Data.SqlClient;
using System.Reflection;
using MpsManager.Controllers.Helper;

namespace MpsManager.Models
{

    public static class MapDataAndBusinessEntityHelper
    {
        public static List MapDataToBusinessEntityCollection(DataTable dr)
        where T : new()
        {
            Type businessEntityType = typeof(T);

            var entitys = new List();

            var hashtable = new Hashtable();

            PropertyInfo[] properties = businessEntityType.GetProperties();

            foreach (PropertyInfo info in properties)
            {

                hashtable[info.Name.ToUpper()] = info;

            }

            foreach (DataRow dataRow in dr.Rows)
            {
                T newObject = new T();

                for (int index = 0; index < dr.Columns.Count; index++)
                {

                    var info = (PropertyInfo)hashtable[dr.Columns[index].ColumnName.ToUpper()];

                    if ((info != null) && info.CanWrite)
                    {

                        info.SetValue(newObject, dataRow[info.Name] is DBNull ? null : dataRow[info.Name], null);

                    }

                }

                entitys.Add(newObject);
            }
            return entitys;


        }

    }

}

20/07/11

Applicare degli stili alle tabelle HTML con Jquery UI

Generalmente le tabelle html di default non si presentano belle esteticamente e quindi si è soliti applicare degli stili CSS (Cascading Style Sheets) per renderle gradevoli.

Se non abbiamo molto tempo per effettuare delle prove per capire come potrebbero presentarsi meglio le nostre tabelle, possiamo fare affidamento ai CSS che ci vengono forniti di default con JQuery UI.

Una volta applicate le classi standard, la tabella assumerà un aspetto differente a secondo del tema di cui abbiamo fatto il download.

Ecco un esempio di tabella con le classi assegnate:

Pannello di controllo







Ed ecco il risultato:

Ora proviamo a cambiare il tema Jquery UI e senza modificare nulla avremo:

19/07/11

Form Authentication - utilizzare un custom provider sql

Utilizzando la form authentication in asp.net è possibile sfruttare il provider AspNetSqlProfileProvider per gestire gli accessi al sito,creare un nuovo utente, modificare la password e molto altro, senza la necessità di scrivere righe di codice.

Tramite questo provider però è necessario creare un database ad hoc utilizzando il comando Aspnet_regsql nel quale in automatico verranno create le tabelle,store procedure e tutto quanto è indispensabile per fare funzionare correttamente l'autenticazione.

Supponiamo invece di volere utilizzare una tabella utenti presente nel nostro database, creeremo quindi un provider personalizzato secondo le nostre esigenze.

Nel caso specifico abbiamo utilizzato ADO.NET per effettuare le query sul db, questo perchè la nostra esigenza era quella di realizzare un piccolo programma, ovviamente potete decidere di utilizzare un ORM come Entity Framework, NHibernate e così via...

I passi da fare sono:

- Creazione tabella utenti
CREATE TABLE [Users] (    
   [username] [varchar] (15) NOT NULL ,
   [password] [varchar] (25) NOT NULL ,
   [userRole] [tinyint]  NOT NULL , 
) ON [PRIMARY]
GO 
ALTER TABLE [dbo].[Users] WITH NOCHECK ADD
   CONSTRAINT [PK_Users] PRIMARY KEY  NONCLUSTERED     
   (       
      [username]    
   )  ON [PRIMARY]  
GO  

- Creazione di un provider
Il provider è una classe che deriva da MembershipProvider e nella quale andremo ad implementare i metodi che ci interessano per la validazione

Nell'esempio abbiamo implementato solo il metodo ValidateUser che permette di effettuare il login al sito.

using System.Collections;
using System.Collections.Generic;
using System.Data;
using System.Data.SqlClient;
using System.Web.Security;

namespace MpsManager.Controllers.Helper
{
    public class CustomSqlValidatorProvider : MembershipProvider
    {
        public override MembershipUser CreateUser(string username, string password, string email, string passwordQuestion, string passwordAnswer, bool isApproved, object providerUserKey, out MembershipCreateStatus status)
        {
            throw new System.NotImplementedException();
        }

        public override bool ChangePasswordQuestionAndAnswer(string username, string password, string newPasswordQuestion, string newPasswordAnswer)
        {
            throw new System.NotImplementedException();
        }

        public override string GetPassword(string username, string answer)
        {
            throw new System.NotImplementedException();
        }

        public override bool ChangePassword(string username, string oldPassword, string newPassword)
        {
            throw new System.NotImplementedException();
        }

        public override string ResetPassword(string username, string answer)
        {
            throw new System.NotImplementedException();
        }

        public override void UpdateUser(MembershipUser user)
        {
            throw new System.NotImplementedException();
        }

        public override bool ValidateUser(string username, string password)
        {
            IList list = new List();
            list.Add(new SqlParameter("UserName",username));
            list.Add(new SqlParameter("Password", password));
            var status =  SQLADOHelper.ExecuteScalarQueryCommand("Select 1 from Users where userName=@UserName and password=@password",list);
            return status != null;
        }

        public override bool UnlockUser(string userName)
        {
            throw new System.NotImplementedException();
        }

        public override MembershipUser GetUser(object providerUserKey, bool userIsOnline)
        {
            throw new System.NotImplementedException();
        }

        public override MembershipUser GetUser(string username, bool userIsOnline)
        {
            throw new System.NotImplementedException();
        }

        public override string GetUserNameByEmail(string email)
        {
            throw new System.NotImplementedException();
        }

        public override bool DeleteUser(string username, bool deleteAllRelatedData)
        {
            throw new System.NotImplementedException();
        }

        public override MembershipUserCollection GetAllUsers(int pageIndex, int pageSize, out int totalRecords)
        {
            throw new System.NotImplementedException();
        }

        public override int GetNumberOfUsersOnline()
        {
            throw new System.NotImplementedException();
        }

        public override MembershipUserCollection FindUsersByName(string usernameToMatch, int pageIndex, int pageSize, out int totalRecords)
        {
            throw new System.NotImplementedException();
        }

        public override MembershipUserCollection FindUsersByEmail(string emailToMatch, int pageIndex, int pageSize, out int totalRecords)
        {
            throw new System.NotImplementedException();
        }

        public override bool EnablePasswordRetrieval
        {
            get { throw new System.NotImplementedException(); }
        }

        public override bool EnablePasswordReset
        {
            get { throw new System.NotImplementedException(); }
        }

        public override bool RequiresQuestionAndAnswer
        {
            get { throw new System.NotImplementedException(); }
        }

        public override string ApplicationName
        {
            get { throw new System.NotImplementedException(); }
            set { throw new System.NotImplementedException(); }
        }

        public override int MaxInvalidPasswordAttempts
        {
            get { throw new System.NotImplementedException(); }
        }

        public override int PasswordAttemptWindow
        {
            get { throw new System.NotImplementedException(); }
        }

        public override bool RequiresUniqueEmail
        {
            get { throw new System.NotImplementedException(); }
        }

        public override MembershipPasswordFormat PasswordFormat
        {
            get { throw new System.NotImplementedException(); }
        }

        public override int MinRequiredPasswordLength
        {
            get { throw new System.NotImplementedException(); }
        }

        public override int MinRequiredNonAlphanumericCharacters
        {
            get { throw new System.NotImplementedException(); }
        }

        public override string PasswordStrengthRegularExpression
        {
            get { throw new System.NotImplementedException(); }
        }
    }
}

- modifichiamo il file web.config per aggiungere il nostro provider e attivare l'autenticazione specificando quale sarà la pagina che si occuperà del login.


      
    

    
      
        
        
      
    


- Creiamo la view con i nostri campi di accesso (se utilizzate asp.net MVC la View ed il controller conterranno il codice che ci serve)

View
    

Accesso al sistema

<% using (Html.BeginForm()) { %> <%: Html.ValidationSummary(true, "Login was unsuccessful. Please correct the errors and try again.") %>
Informazioni account
<%: Html.LabelFor(m => m.UserName) %>
<%: Html.TextBoxFor(m => m.UserName) %> <%: Html.ValidationMessageFor(m => m.UserName) %>
<%: Html.LabelFor(m => m.Password) %>
<%: Html.PasswordFor(m => m.Password) %> <%: Html.ValidationMessageFor(m => m.Password) %>

<% } %>

Controller
 [HttpPost]
        public ActionResult LogOn(LogOnModel model, string returnUrl)
        {
            if (ModelState.IsValid)
            {
                if (Membership.ValidateUser(model.UserName, model.Password))
                {
                    FormsAuthentication.SetAuthCookie(model.UserName, false);
                    if (Url.IsLocalUrl(returnUrl) && returnUrl.Length > 1 && returnUrl.StartsWith("/")
                        && !returnUrl.StartsWith("//") && !returnUrl.StartsWith("/\\"))
                    {
                        return Redirect(returnUrl);
                    }
                    else
                    {
                        return RedirectToAction("Index", "Home");
                    }
                }
                else
                {
                    ModelState.AddModelError("", "The user name or password provided is incorrect.");
                }
            }

            // If we got this far, something failed, redisplay form
            return View(model);
        }

08/07/11

Aruba ancora down




Dopo il fermo della server farm Aruba causato da principio di incendio ad Aprile, anche oggi si è verificato un'altro down.
Dalle indiscrezione sembrerebbe un problema causato dai nuovi UPS...

Vi consigliamo di tenere monitorato twitter per avere nuove notizie...

04/07/11

Come Eliminare SP,View e Function dinamicamente

Delle volte potrebbe essere utile eliminare tutte le Stored procedure, Viste e funzioni contenute nel database.
Una delle prime soluzioni a cui si potrebbe arrivare è ciclare sulle liste di oggetti restituite dalle varie information_schema. Ma SQL è concepito per pensare "set based" e quindi potremmo sfruttare questa sua caratteristica per riuscire a formattare con un'unica query le istruzioni di drop.
Con lo script seguente otteniamo esattamente ciò che ci siamo prefissati, un'unica query che mi restituisca tutte le istruzioni di drop necessarie.
Le istruzioni saranno poi eseguite grazie alla EXEC.



DECLARE @strSql VARCHAR(MAX) = ''
SET @strSql = (
SELECT 'DROP ' + OBJTYPE + ' [' + OBJSCHEMA + '].[' + OBJNAME + ']; ' FROM
(
SELECT ROUTINE_TYPE OBJTYPE,ROUTINE_SCHEMA OBJSCHEMA,
ROUTINE_NAME OBJNAME
FROM INFORMATION_SCHEMA.ROUTINES
UNION
SELECT TABLE_TYPE, TABLE_SCHEMA, TABLE_NAME
FROM INFORMATION_SCHEMA.TABLES
WHERE TABLE_TYPE = 'VIEW'
) OBJ
FOR XML PATH ('')
)
EXEC(@strSql)



Vi consiglio di approfondire la "FOR XML PATH('')" che potrebbe tornare molto utile....

Ciao

Luca

Come eseguire il Log delle modifiche alla struttura di un DB....

Molto spesso potrebbe tornare particolarmente utile sapere esattamente quali modifiche sono state effettuate alla struttura di un Database...
Dalla versione SQL Server 2005, grazie ai trigger di database, è possibile ottenerlo senza sforzo... (finalmente direi...)

In un database specifico per i log delle attività creiamo una tabella di log:

create table [dbo].[Log]
(
data datetime,
utente varchar(128),
comando varchar(max),
objname varchar(128),
dbname varchar(128)
)


Nel/Nei Database che desideriamo monitorare creiamo il seguente Trigger :

SET ANSI_NULLS ON
GO
SET QUOTED_IDENTIFIER ON
GO

CREATE TRIGGER [Log_Modifiche_Struttura] ON DATABASE FOR
CREATE_TABLE,
ALTER_TABLE,
DROP_TABLE,
CREATE_VIEW,
ALTER_VIEW,
DROP_VIEW,
CREATE_PROCEDURE,
ALTER_PROCEDURE,
DROP_PROCEDURE,
CREATE_FUNCTION,
ALTER_FUNCTION,
DROP_FUNCTION,
CREATE_INDEX,
ALTER_INDEX,
DROP_INDEX,
CREATE_ASSEMBLY,
ALTER_ASSEMBLY,
DROP_ASSEMBLY,
CREATE_TRIGGER,
ALTER_TRIGGER,
DROP_TRIGGER,
CREATE_SCHEMA,
ALTER_SCHEMA,
DROP_SCHEMA
AS

DECLARE @command AS VARCHAR(MAX)--Comando eseguito
DECLARE @login AS VARCHAR(128)--Utente che ha eseguito il comando
DECLARE @db AS VARCHAR(128)--DB su cui ho effettuato l'operazione
DECLARE @objName AS VARCHAR(128)--Oggetto interessato

SELECT @login = SUSER_SNAME()--recupero il nome utente
SELECT @command = EVENTDATA().value('(/EVENT_INSTANCE/TSQLCommand/CommandText)[1]','nvarchar(max)')--recupero il comando di modifica struttura
SELECT @objName = EVENTDATA().value('(/EVENT_INSTANCE/ObjectName)[1]','nvarchar(max)')--Recupero il nome dell'oggetto modificato/creato/eliminato
SELECT @db = DB_NAME()--recupero il nome del database

--Inserisco la modifica nello storico
INSERT INTO NomeDbLog.dbo.[Log]
values
(
getdate(),
@login,
@command,
@objName,
@db
)

GO

SET ANSI_NULLS OFF
GO
SET QUOTED_IDENTIFIER OFF
GO

DISABLE TRIGGER [Log_Modifiche_Struttura] ON DATABASE
GO
ENABLE TRIGGER [Log_Modifiche_Struttura] ON DATABASE
GO


Ogni operazione di Create, Alter, Drop su tabelle, stored procedure, viste, function, schema, index ed assembly verrà quindi tracciata nella nostra tabella di Log.

Proviamo ora se tutto funziona.

Creo la seguente tabella nel database monitorato :

create table dbo.tabellaprova
(
campo int
)


Effettuo una select sul database di Log :








Troviamo la tabella appena creata.

Siamo quindi in grado di sapere esattamente chi ha fatto cosa e quando sul nostro DB...

Notare l'utilizzo della funzione EventData, che restituisce al chiamante le informazioni in formato Xml. Per ottenere l'informazione specifica del comando T-SQL utilizzo la X-query :

Select @command = EVENTDATA().value('(/EVENT_INSTANCE/TSQLCommand/CommandText)[1]','nvarchar(max)')

Spero vi sia utile.

Ciao

Alla prossima

28/06/11

Linq estrarre tutti i figli da una collezione di oggetti

Supponiamo di avere un oggetto Utente ed un oggetto Gruppo

public class Utente
  {
    public string Nome { get; set; }
    public IList<Gruppo> Gruppi { get; set; }
  }

  public class Gruppo
  {
    public string Descrizione { get; set; }
  }


Abbiamo un collezione di oggetti Utente, ciascuno dei quali ha a sua volta una collezione di gruppi

IList<Utente> list = new List<Utente>
                             {
                               new Utente()
                                 {
                                   Gruppi = new List<Gruppo>()
                                              {
                                                new Gruppo(){Descrizione = "GRUPPO1"},
                                                new Gruppo(){Descrizione = "GRUPPO2"},
                                              }
                                 },
                                                                new Utente()
                                 {
                                   Gruppi = new List<Gruppo>()
                                              {
                                                new Gruppo(){Descrizione = "GRUPPO3"},
                                                new Gruppo(){Descrizione = "GRUPPO4"},
                                              }
                                 }

                             };


Ora vogliamo estrarre tutti i gruppi di tutti gli utenti, ma se utilizziamo la Select di Linq otterremmo un IEnumerable di liste di oggetti Gruppo:

IEnumerable<IList<Gruppo>> gruppi = list.Select(x=>x.Gruppi);

Noi invece vogliamo semplicemente una lista di oggetti gruppo e quindi possiamo scrivere:
IEnumerable<Gruppo> gruppiList = list.SelectMany(x => x.Gruppi);

26/06/11

Utilizzare Windsor IOC container con l'autoregistration

Castle Windsor è una libreria che pemette di iniettare automaticamente le dipendenze all'interno di una nostra classe (Dipendency Injection).

Questo significa che se abbiamo una classe con un costruttore che accetta come parametro delle interfacce, sostanzialmente non dovremo essere noi a fare il "new" della classe che implementa quella interfaccia, ma verrà fatto in automatico dalla libreria.

Questo è un esempio di una classe che ha nel costruttore una interfaccia di nome IRepository

public class SendMailTask : ISendMailTask
    {
        private IRepository2 _repository2;

        public SendMailTask(IRepository2 repository2)
        {
            _repository2 = repository2;
        }
    }

Normalmente per instanziare la nostra classe SendMailTask dovremmo scrivere:

SendMailTask sendMailTask = new SendMailTask(new Repository2());


Utilizzando invece Windsor, potremo scrivere:


var sendMailTask = ServiceLocatorInitializer.Container.Resolve();

Come avrete notato non abbiamo passato noi a parametro l'instanza della classe richiesta, perchè viene fatto in automatico.

Risulta molto utile quando abbiamo più parametri nel costruttore, ma soprattutto ci facilita la possibilità di testare il codice attraverso gli Unit Test.


Come funziona

Come prima cosa effettuiaamo il download di Windsor Castle dal sito www.castleproject.org

Poi referenziamo nel nostro progetto le librerie CastleCore,CastleMicrokernel e CastleWindsor

A questo punto dobbiamo registrare le dipendenze in modo che il programma sappia in automatico quale componente (o classe)
è legato ad una determinata interfaccia
e in questo modo sappia quale instanza deve creare a runtime e iniettare nel costruttore della classe.

Possiamo utilizzare un file di configurazione che non spiegheremo in questo post e nel quale registriamo le dipendenze.




    
        
        

        

        

        

    





Oppure possiamo utilizzare una nuova caratteristica di Windsor che si chiama AutoRegistration e permette
in automatico di registrare le dipendenze di uno o più assembly.

Ecco un esempio completo:

_container = new WindsorContainer();


            _container.Register(
                        AllTypes.Pick()
                        .FromAssemblyNamed(Assembly.GetExecutingAssembly().FullName)
                        .WithService.FirstInterface());


Ecco fatto, in questo modo vengono registrate tutte le dipendenze interfaccia/classe dell'assembly corrente.
Possiamo anche decidere di aggiungere altre dipendenze manualmente:


container.AddComponent("entityDuplicateChecker",
                typeof(IEntityDuplicateChecker), typeof(EntityDuplicateChecker));

Ora possiamo instanziare le nostre classi in questo modo:
var sendMailTask = ServiceLocatorInitializer.Container.Resolve();


Se abbiamo la necessità di utilizzare Windsor in varie classi, non dobbiamo instanziarlo ogni volta ma semplicemente
faremo una classe di helper usando il pattern Singleton; la prima volta chiameremo il metodo Init, le volte successive essendo una classe statica
potremo semplicemente utilizzare la proprietà pubblica "Container"

public class ServiceLocatorInitializer
    {
        private static IWindsorContainer _container;

        public static IWindsorContainer Container
        {
            get { return _container; }
        }

        public static void Init()
        {
            _container = new WindsorContainer();

            ComponentRegistrar.AddComponentsTo(_container);
            _container.Register(
                        AllTypes.Pick()
                        .FromAssemblyNamed(Assembly.GetExecutingAssembly().FullName)
                        .WithService.FirstInterface());
         
        }
    }

Concatenare una proprietà di una lista di oggetti con Linq

Supponiamo di avere una lista di oggetti e vorremmo estrarre dalla lista una proprietà e concatenarla alla successiva, magari aggiungendo un separatore come il punto e virgola.

Con Linq questa operazione è estramente veloce, basta utilizzare l'extension method denominato Aggregate.
Esempio:

public class Foo

    {

        public string Proprieta1 { get; set; }

        public string Proprieta2 { get; set; }

        public string Proprieta3 { get; set; }

    }


Popoliamo la lista:
IList list = new List()
                {
                    new Foo() {Proprieta1 = "a1",Proprieta2 = "b1",Proprieta3 = "c1"},
                    new Foo() {Proprieta1 = "a2",Proprieta2 = "b2",Proprieta3 = "c2"},
                    new Foo() {Proprieta1 = "a3",Proprieta2 = "b3",Proprieta3 = "c3"}

                };




Ora testiamo il risultato:
var proprieta1Concatenata = list.Select(x => x.Proprieta1).Aggregate((x, y) => x + ";" + y);

Assert.AreEqual("a1;a2;a3",proprieta1Concatenata);



23/06/11

Realizzare delle Faq per il vostro sito con JQuery

Oggi vediamo un esempio di come di come realizzare una pagina di Faq (Frequently Asked Questions) che possa aiutare i visitatori del vostro a capirne meglio le funzionalità.

Faremo in modo che ci siano dei link contenenti la domanda, mentre le risposte saranno non visibili; quando il visitatore cliccherà su uno di questi link, allora si visualizzerà la risposta relativa a link cliccato.
Allo stesso tempo verrà nascosta la descrizione del link dove il visitatore aveva precendentemente cliccato.

Iniziamo quindi a referenziare la libreria di Jquery:



Ora creiamo una lista di elementi, ogni elemento sarà composto da un link e da una descrizione:


Ora inseriamo il codice jquery che serve per gestire i link:



Ora vediamo la situazione iniziale della pagina:





Ora clicco il primo link:


Ora clicco il secondo link (notare la descrizione del primo link che viene nascosta):

 
Design by Free WordPress Themes | Bloggerized by Lasantha - Premium Blogger Themes | Grants For Single Moms